Servizio Borse di Studio
Documento senza titolo
BORSE DI STUDIO


Il comune, indice periodicamente, tramite deliberazione di giunta comunale, bandi di concorso per l'assegnazione di borse di studio a sostegno della spesa delle famiglie per l'istruzione, in favore degli alunni frequentanti le scuole di ogni ordine e grado residenti nel territorio comunale.

DESTINATARI
I destinatari del contributo sono gli alunni del comuni che, nell'ultimo anno scolastico hanno frequentato le classi elementari, medie e superiori di scuole statali e paritarie ai sensi della L.62/2000 e appartengono a famiglie che si trovano nelle condizioni di soggetti richiedenti prestazioni sociali agevolate di cui ai Decreti 109/98 e 130/2000.

CHI PUO' PRESENTARE DOMANDA

Possono presentare domanda i genitori o chi ne fa le veci, chi esercita la patria potestà in caso di minori o lo stesso studente se maggiorenne la cui condizione economica dell'intero nucleo familiare, desumibile dall'ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), riferita ai redditi dell'anno precedente sia pari o inferiore a € 10.632,94 e che abbia sostenuto, nell'A.S. oggetto di richiesta di contributo, spese per un importo non inferiore a € 51,65 di cui deve essere prodotta anche in copia idonea documentazione contabile.

QUANDO E DOVE FARE RICHIESTA
Per l'assegnazione delle borse di studio la domanda, redatta su apposito modulo in carta semplice, deve essere presentata entro i termini previsti dal bando.
La domanda di partecipazione al concorso, corredata di documentazione contabile (fatture e/o scontrini fiscali) a sostegno delle spese sostenute e dichiarate in autocertificazione, dovrà essere presentata presso le segreterie delle scuole di appartenenza oppure al proprio comune.
Per avere informazioni più dettagliate sulle modalità di inoltro della richiesta rivolgersi al proprio comune di residenza.
Nel caso in cui le domande verranno presentate alle segreterie scolastiche quest’ultime provvederanno all’invio all’ufficio scuola del comune di riferimento per i successivi atti consequenziali.

MODALITA' DI PRESENTAZIONE
Il modulo di richiesta e l'autocertificazione delle spese sostenute nell'anno scolastico e dell'ISEE, dovrà essere corredato della seguente documentazione:
• certificato di frequenza relativo all'anno scolastico;
• copia di documenti contabili (scontrini fiscali, ricevute di versamento, ecc) per l'ammontare equivalente alla spesa effettivamente sostenuta e autocertificata e/o dichiarazioni rilasciate sotto forma di autocertificazione sottoscritte da parte di titolari di esercizi commerciali, comprovanti le tipologie e l'importo della spesa sostenuta..

SPESE RIMBORSABILI
Sono rimborsabili le spese effettivamente sostenute per :
• l'iscrizione (limitatamente ai contributi versati dalla scuola attraverso conto corrente bancario o postale),
• la frequenza (rette per le scuole paritarie, per Convitti annessi ad Istituti Statali, per Convitti gestiti direttamente o in convenzione dalla scuola o dall'Ente Locale);
• per l'acquisto di libri di testo, dizionari, atlanti e altre pubblicazioni richieste dalle scuole (per la parte che eccede la quota di contributo già concesso dal comune, per lo stesso anno scolastico);
• per materiali ed attrezzature personali richiesti dalle scuole per attività didattiche particolari:
- strumenti musicali;
- attrezzature tecniche (squadre, righelli, compassi, ecc.);
- acquisto di libri richiesti dalla scuola, con esclusione dei libri di testo obbligatori;
• mensa (quali quelle a gestione diretta/indiretta dell'Ente locale, di mensa o di ristori in esercizi interni alle scuole, spese di mensa o di ristoro in esercizi pubblici nella città di frequenza della scuola non coincidente con quella di residenza in assenza di servizi specifici);
• trasporti con mezzi pubblici (automezzi di linea, treno), attestazione di spessa per il trasporto casa-scuola in mancanza del servizio pubblico di trasporto.
Non sono previsti limiti di spesa.
Non sono rimborsabili le spese sostenute per:
• cancelleria (quaderni, quadernoni, penne, matite, gomme, ecc..);
• zainetti;
• grembiuli;
• tute;
• scarpe da ginnastica;
• attrezzature per corsi di danza, nuoto e attività sportive
in quanto costituiscono il necessario corredo per la frequenza ai corsi di studio e non possono intendersi come "attrezzature per attività didattiche particolari".

ITER PROCEDURALE
L'importo delle borse di studio, per ordine e grado di scuola frequentata dal richiedente nell'anno scolastico, verrà definito successivamente in sede di riparto dei fondi dalla Regione Puglia.
L’ufficio comunale preposto esaminerà le domande degli ammessi al concorso e invierà alla Regione Puglia - Settore Istruzione - la scheda contenente i dati necessari per la predisposizione del relativo piano di riparto sulla base del numero e tipologia delle istanze ammesse al contributo.
Successivamente rimetterà i lavori alla Giunta Comunale che provvederà all'approvazione delle relative graduatorie degli aventi diritto.
Sulla base del piano di riparto della Regione Puglia e dell'espletamento delle procedure del caso, il pagamento avverrà con emissione del relativo mandato a favore del genitore o di chi ne fa le veci, o dello studente di maggiore età, dopo l'accreditamento dei fondi da parte della Regione Molise.
Il pagamento del rimborso avverrà nei tempi e nei modi previsti dal comune di riferimento.


Questo servizio consente di richiedere on-line le agevolazioni gestite dai comuni in relazione alle Borse di Studio.

Per informazioni più dettagliate, rivolgersi al proprio comune di residenza.


Unione EuropeaRegione PugliaProvincia di FoggiaComunità Montana dei Monti Dauni MeridionaliComunità Montana dei Monti Dauni SettentrionaliComune di CarlantinoGFIHalley Sud EstProject ++